20 apr 2017

#Immigrazione ed #emigrazione, non serve cambiare #Paese per stare meglio

Forse bisogna essere più chiari, per certe professioni cercare il luogo migliore dove agire è un obbligo, ma non sempre, molti lavori si possono svolgere a casa e con internet è possibile collaborare con chi si vuole.
La differenza tra ricchi e poveri sta soprattutto nella preparazione culturale, sia generale che individuale: non tutti i luoghi della terra ci permettono di agire liberamente,come meglio crediamo, anche dietro a un PC.
La preparazione dà sempre  molte prospettive a  tutti, in quasi tutti i luoghi della terra: saper lavorare, non da manovali, o anche una semplice licenza media inferiore, in molti paesi del Sud del mondo dà tante opportunità agli ultimi socialmente.
La differenza quindi non è dove si vive, ormai il  Terzo mondo si è formato pure da noi, per scelte sciagurate sull’immigrazione, ma dalla giusta preparazione scolastica.
E’ la scuola, o meglio, l’istruzione reale di ciascuno, che fa la differenza, sia da noi che in altri luoghi: è la scuola che seleziona, nel bene e nel male, gli integrati e gli esclusi della società, al di là  dell’origine nazionale di ciascuno.