07 giu 2017

#Terrorismo in #Iran, #attacco al #parlamento e al mausoleo dell'ayatollah Ruhollah #Khomeini.

Questa notizia dimostra che la regia del terrorismo internazionale  è lontano dalla religione: uccidere un mussulmano è un peccato gravissimo per un islamico.
Attualmente gli sciiti e i sunniti si sono, in un certo senso, scomunicati, dandosi a vicenda del non islamico.
Quindi, quando gli interessi economici prendono piede tutto è lecito: questi, gli sciiti, si possono uccidere come gli altri infedeli, ma anche i Drusi, oppure Aleviti o i Sufi, che vengono considerati dei.... falsi islamici dai duri e puri tra i sunniti.
Non temete, eliminati tutti questi, troveranno altri tra loro: in paradiso si va facendo la guerra santa e se non si trovano infedeli da combattere li inventeranno.
Chi non seguirà bene quella norma coranica o quel tale costume tradizionale, diventerà un nemico da eliminare.
E' la logica del fanatismo e dell'assolutismo, porta solo morte e dolore, senza tregua.